E' asciuto pazzo 'o parrucchiano

                  

 
Home

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Gruppo Teatrale “A Lumera”

       di S. Croce Camerina (RG)

presenta:

E’ ASCIUTO PAZZO ‘O PARRUCCHIANO

(‘U PARRUCU ‘MPAZZIU)

 

 

Commedia brillante in due atti di Gaetano Di Maio

Adattamento a cura di L. Mauro e M. Rizzo

 

 

Regia di

Marianna Rizzo - Lorella Mauro

 

 

Musiche originali

 Salvatore Vincenzo Maniscalco

 

Scenografia

Saretta Podimani – Silvio Rizzo

 

 

Suono e Luci

Nuccio Rizzo - Andrea Cavarra - Luigi Puglisi

 

Costumi

Marianna Rizzo

 

Trucco e Parrucco

Mariavittoria Dimarco – Ilenia Cilia

 

Presentatrice

Elisa Montagno

 *****

 

Venerdì 5 agosto 2016 presso il Cine - Teatro “ Giardino d’Estate ” Casuzze -S.Croce Camerina (RG) e in replica  domenica 7 agosto 2016 presso “ Largo della Musica ” di Punta Braccetto - S.Croce Camerina (RG), il Gruppo Teatrale “ A Lumera ”,  con la regia di  Marianna Rizzo e Lorella Mauro, ha messo in scena “ E’ asciuto pazzo ‘o parrucchiano  (‘U parrucu ‘impazziu)” commedia brillante in due atti scritta da Gaetano Di Maio e la musica originale è stata composta dal maestro Salvatore Vincenzo Maniscalco, che ha anche realizzato tutti gli effetti sonori dello spettacolo.

 

(da: Il giornale di Santacroceweb)

“… a riadattarla con dialoghi dal napoletano al siciliano sono state Lorella Mauro e Marianna Rizzo, che vi hanno lavorato per quasi un anno, trasfondendo in essa anche i modi di dire locali. La colonna sonora originale è stata realizzata dal maestro Salvatore Vincenzo Maniscalco, lo stesso che ha realizzato la colonna sonora del musical “Il coraggio di amare” con protagonista Cristina Scuccia, prima di prendere i voti monacali… “

… in un paesino contadino diviso tra religione, credenze popolari e superstizioni, nella casa di don Sandro (Vincenzo Vacante), parroco del paese, della sua indomabile perpetua donna Rosa (Cinzia Giummarra) e dell’esilarante sacrestano Modestino (Paolo Vacante). Il parroco, con ogni mezzo, combatte scaramucce, litigi e difficoltà dei fedeli, provando a consolidare la loro fede, operando spesso con ingenui sotterfugi e finti miracoli. Ma a complicare e mischiare le carte è una vicenda ricca di personaggi, intrecciati dal tentativo del sacerdote di tenere il paese unito e vivo nella vera “fede”. Saliranno alla ribalta scenica: il sindaco (Peppe Lillo), un avvocato (Salvuccio Barone), una baronessa (Ilenia Cilia) con famiglia al seguito, una maestrina ragazza madre (Francesca Ruggeri), contadini e altri personaggi paesani che, tra contrasti e mezze verità, porteranno quasi alla pazzia don Sandro facendo smuovere tuttavia le coscienze di tutti, facendo emergere i “peccati” commessi dai protagonisti del paese. La situazione richiederà addirittura la presenza del Vescovo (Silvio Rizzo), che, nel tentativo di indagare sul “miracolo” e risolvere questa complicata vicenda, arricchirà un finale che farà sorridere, riflettere, ma anche sperare…

Al levarsi della tela Roberto è seduto da solo presso il tavolo a destra, si alza, passeggia, è irrequieto, si risiede. E’ chiaramente in attesa di qualcuno che tarda a venire ed è impaziente. Dall’esterno giunge un coro di devoti che hanno seguito la Madonna in processione fin dentro la chiesa. Ad un certo punto si alza di scatto …

“ Ah, Signuruzzu beddu ! Modestino !!!  “

 

Finchè sono contadini passi, ma nun ti truzzari cu certa ghienti. Quella ragazza lasciala stare … la maestrina lasciala stare … quella pretende di essere sposata dal figlio della baronessa.

Il figlio della baronessa per caparra ci ha lasciato un figlio di latte. 

Ma la baronessa non lo vuole ammettere. Per lei questo bambino non esiste.

Agghiu caputu: il Signore disse: “Crescete e moltiplicatevi” ... e niavitri ppi rispiettu d’a barunissa, avissima luvari ‘a moltiplicazioni ...

Insomma, Sandro, a donna Bianca questo matrimonio non va giù !

Eccumi cca, ma scusari se ritardai, ma iu m’acculantai tuttu … m’assuppai ra testa finu e pieri.

Vi facistru a zuppa ? Ahh … mangiastru senza ri mia ?

Ma quali zuppa … sugnu anniatu pì tutta l’acqua ca cariu.

Ah, iu pinsava a ‘na zuppa ri casola …

Oh, donna Bianca !

Si, eccola qua, è diventata donna nera ...

Certu ... u luttu po vuostru poviru maritu ...

Non è il lutto. Dicevo: nera di dentro, nera di dolore … mio figlio Andrea è stato oggetto di seduzione ... quella maestrina si vò fari spusari ppi forza. Quello, mio figlio, s’‘a spusari la primogenita dei Sellitti. E’ un matrimonio di prestigio. Sordi nun ni tenunu, ma sono una grande famiglia ... e nui simu cani ‘i razza !!!

 

Ma chi ti ficia sa povira fimmina? Chi ti ficia?  

Tantu pi cuminciari, mi pigghiau ppi fissa: m’a spusai ‘i na manera, e s’addivintau ‘i n’avitra … e puoi, di quattru figghi, mi ni ficia tri fimmini.

Ma nun è curpa sua !

E’ sua a curpa, sì … ava ‘a simenta sbagliata ‘ncuorpu. Unu sulu masculu, ca tiegnu caru comu ’a luci re ma uocci, e mi stapa luntanu, travaghia  a Torinu. Chicchiricchì … ristai sulu iu ‘nt ‘o pollaiu, sulu mienzu ’a tutti sti fimmini.

Uè, Modestino, ma siete andato ad una festa ?

Tutto il paese è in festa e mi sono ripulito un poco pur’ io.

Guardate com’è lusingatrice donna Bianca. Mi ha calunniato ca io sono simpatico, ca sugnu ‘nu bell’uomu ...

E mica è una calunnia ! Anzi, io penso che quando eravate giovane dovevate piacere !!!

Dunqui, ragazza mia … facitimi capiri: vui siti accussì seria, accussì modesta … com’ è ca ciristru ‘a tentazioni do riavulu ?

Padre, perchè il diavolo si è presentato con la faccia dell’angelo. Lo sapete come diceva ? Io vi amo, vi amo, io darei la vita per un vostro bacio ...

Viiih !!! … Macari c’‘a picciuttedda !

Io vi amo !

Ma, ragazza mia ... Ma chi fai tu, strisci ? Fatti sentiri quannu vieni.

E vabbè, n’avitra vota prima suonu ‘i campani e puoi trasu …

Permesso ?

Vui ???

Uè, nunn’ ’a spavintati ! ‘A fici veniri iu … Trasa, Ninè, trasa ...

Padre, scusate, ho fatto dei dolcetti e mi sono permessa di portarvene due.

Sunu ‘ddi dolcetti ca mi facisti assaggiari a mia stamatina ? Comu su bbuoni ! Vai dda rintra, ‘o curca ‘u picciriddu ‘nto liettu e pui vieni che dobbiamo parlare.

 

E non li avete mangiati i dolcetti ?

No, è ca stapia aspittannu vui ...

Ma ricu iu: vui, i assaggiastru quannu i facistru ?

No, io non posso … ho fatto un fioretto alla Madonna che non mangio dolci fino a Natale.

Ah, ora capisciu. Nun u sapa mancu lei, quantu sunu squisiti ...

Ma ‘u sali è assai ...

 

Niavitri vulissimu sapiri … chi le ha scritto questa lettera anonima.

See see, circamu ‘a ugghia no pagghiaru. ‘Nta stu paisulu simu in tuttu trimila animi. Duimila su’ analfabeti, ma ci ni sunu sempri milli ca sannu scriviri. Ma chi ci scrissunu ?

“ Cara cianciulina lamintusa ... hai ricevuta una grande grazia della Madonna, che ha fatto venire la voce a tua sorella. Ora mantieni la promessa che hai fatto, sennò passerai ‘na caterva di guai. “

Pace, pace e bene a questa casa. Voi tutti sapete quale situazione di disagio mi ha fatto sentire il dovere di venire qua. Per prima cosa devo muovere un aspro, un asprissimo rimprovero a donna Bianca, mia cugina, e a suo figlio ... Cugina, cugina carissima, vostro figlio ha compiuto un’azione indegna, un peccato grave … La povera e tenera pecorella è capitata fra un branco di lupi !

Non c'è stato mai nessun miracolo ! Il rispetto della verità mi impone di dirlo. (al contadino) Il trasferimento di vostro figlio, fu ottenuto per l'interessamento di don Sandro presso un influente e caritatevole prelato. (alla contadina) Vostro fratello superò finalmente l'esame, non per grazia della Vergine, ma solo perché raccomandato da don Sandro all'insegnante che conosceva.

Padre, voglio dire soltanto due parole a quella signorina ... Ninetta, io non sono un ragazzo libero, io sono uno schiavo ! Qualunque sia il mio atteggiamento, voglio che tu sappia che io ti voglio bene !!! Io senza il consenso di mia madre, non posso muovere nemmeno un dito !

Ah, il dito ! Ma le altre cose le muovete bene !

Quannu facistru u cascamuortu ca picciotta ‘u permessu a mamà nun ciu circastru ? (perentoria a Ninetta indicando la porta della cucina) Vattinni da rintra tu. E a ridda, sapiti quannu v’’a fazzu virri n’avitra vota ? Quannu viniti ca mamà, c’‘o ziu e ‘a zia e tutt’’a  razza  appriessu a chiedere la sua mano. ‘A viriti sulu all’altari. Baruncì, stapitivi buonu !

Padre, padre ... cumminai ‘nu guaiu …

Padre, sto in confessione ? … sinnò vui ‘u vo diciti a tutti ...

Maccariddiai ‘a suoru ‘i donna Bianca...

Ma è morta, è ferita?

Ma nun credo ca è morta. Io nun ci ni misi manu ‘ncuoddu, a sbattì sulu ‘o muru. E pui ‘i muorti nun parrunu. Chidda inveci ittava uci : “Madonna, Madonna mia” !!!

Ma chi stai diciennu ? Chidda è muta, com’è ca ittava vuci ?

Buonaseva !

Oh, qua c’è anche il nostro Sindaco che ci onora.

No, no … non mi chiedete di fave discovsi. Io sono venuto solo pev vedeve i fuochi. Vipeto … Non mi chiedete di fave discovsi !!!

Buonasera … Pirdunati se trasimu, è ppi ripararini tanticcia da pioggia ...

Trasiti, trasiti ...

Buonasera, buonasera, brava gente. Qualcuno di voi ha visto mio figlio ? Quello è delicato, ora si pigghia ‘na bedda bronchite ...

Ma cui, ‘u dutturi ? Ora ora, stava cca … era pieri peri ca maistrina.

Sì, sì ... i vitti macari iu … erunu abbrazzati e aviunu ‘nu picciriddu ‘mbrazza !

La maestrina ? (agitandosi) Sono calunnie, sindaco, amici, fate qualche cosa per una povera madre infelice ...

Don Sandru, sta vanniannu tutti 'i piccati ra ghenti mienzu 'a strata.

Ma i peccati di chi ?

Gesù, chiddi ca tutti quanti gli abbiamo detto in confessione. Sta sbriugnannu a tutt' ‘u paisi.

E pi’ forza, comu si ricia: “U puostu ciù lurdu è ‘a uriccia d’o parrinu”.

Ognuno va e ci riversa tutti i sa fitinzie.

Ma non lo può fare questo. I preti non possono impazzire.

 

qualcosa di buono c’è ancora nel cuore della gente, anche se c’è bisogno di scavare molto, ma molto, per trovarlo … pirchì, comu ricia ‘u dettu: “ ‘U immirutu mienzu a via, ‘u sa immu nun su talia” !!!

Tutto esaurito per la prima e la seconda rappresentazione della commedia, con un pubblico che ha manifestato il proprio consenso regalando calorosi applausi.

  la presentatrice e addetta stampa …

… le Registe …

 

“Lory tema”, brano del maestro Salvatore V. Maniscalco, tema principale della commedia brillante “ E’ asciuto pazzo ‘o parrucchiano ”

 

 Home Biografia Pubblicazioni e Trascrizioni Concorso Musicale Sara Preatoni Nuova Corale S.Ambrogio Il Coraggio di Amare Il mese "cult08"- Città di Lugano Musica per la città- Recital per Sara Canta che ti passa Maniscalco in love Garbagnate-CittàNatale Melodie Notturne - Quadri musicali Che ridere...mi sono ammalato Indovina chi suona alla porta Piacere di suonare I promessi già sposi E' asciuto pazzo 'o parrucchiano Note d'amore News Rassegna Stampa Links Download Guestbook Il mio Blog Contatti

Ultimo aggiornamento:  20-03-17

 

Copyright © 2008 M° Salvatore Vincenzo Maniscalco
webmaster: Orazio Miracula - orazio.miracula@tiscali.it
realizzazione: SoftSystem di Orazio Miracula - softsystem.miracula@tiscali.it

 

 si consiglia una risoluzione 1024 x 768 pixel