23-02-2017 – NOTE D’AMORE (Concerto)

L’associazione culturale “La Piazza, incontri culturali” e la Comunità Pastorale “Santa Croce” del comune di Garbagnate Milanese (MI) in occasione della 5° edizione del “Festival della Fede”, ha affidato l’organizzazione e la direzione artistica al maestro Salvatore Vincenzo Maniscalco del Concerto di apertura.
Note d’amore, musica leggera di ispirazione religiosa”  vuole essere un viaggio senza pretese in un tema sicuramente difficile “la spiritualità nella musica pop/leggera.

*****

Più notizie, immagini e video alla pagina dedicata su questo sito: “Note d’amore”  

Note d’amore (Concerto)

Giovedì 3 febbraio 2017, presso l’Auditorium “San Luigi” di Garbagnate Mil.se, l’associazione culturale “La Piazza, incontri culturali” e la Comunità Pastorale “Santa Croce” del comune di Garbagnate Milanese (MI) in occasione della  “5ª Edizione del Festival della Fede”,  hanno affidato al Maestro Salvatore Vincenzo Maniscalco l’organizzazione e la direzione artistica  del Concerto di apertura dal titolo  Note d’amore, musica leggera di ispirazione religiosa”. Questo concerto  vuole essere un viaggio senza pretese in un tema sicuramente difficile: la spiritualità nella musica pop/leggera.

(da: RadioPanda 96.3)
“Riviviamo insieme l’incanto dei grandi interpreti quali  Beyoncé, Angelo Branduardi, Whitney Houston, Laura Pausini ed altri ancora, nelle coinvolgenti esibizioni di artisti locali con il concerto “Note d’amore, musica leggera di ispirazione religiosa”, giovedì 23 febbraio alle ore 21.00 con   entrata libera,  presso l’Auditorium San Luigi in Via Vismara a Garbagnate Milanese. Il concerto, sotto la magistrale  direzione artistica del Maestro Maniscalco, apre ufficialmente la “5ª Edizione del Festival della Fede.”  Il connubio stretto tra fede e amore prenda vita nelle parole e nei suoni delle più belle canzoni di tutti i tempi, offrendoci  un’esperienza unica, un ponte di luce fra religiosità e musica…”
“…Benvenuti  alla serata di apertura della 5ª Edizione del Festival della Fede. “Note d’amore” apre la settimana di eventi dedicati  alla “Fede e Amore…”. Con queste parole  il presentatore Marco De Nisi  introduce la serata e chiama sul palco i primi due artisti.
Aprono la serata il duo “Arianna e Dario, una voce per un pianoforte” che hanno al loro attivo varie esperienze fra cui alcune esibizioni ad Antenna 3, al Piccolo teatro Strehler, al teatro Arcinboldi di Milano.
Guardando il cielo di Arisa,  dove il testo coglie la ricerca di una vita semplice con la certezza che ci sia una realtà che va al di la di questa comprensione nostra …
Male che fa Male di Alex Baroni,  una preghiera rivolta a Nostro Signore per la ricerca dell’amore e per porre termine al male che affligge il mondo …
Se non mi ami di Nek,  “prima o poi tutti ci siamo chiesti o ci chiederemo qual è lo scopo della vita…” sono i tre brani che insieme al Maestro Maniscalco hanno scelto per la loro esibizione.
La serata continua con Ginger Lauren, cantante, cantautrice, compositrice, attrice, ballerina, modella….. dice di se: “ La mia vita è un ping-pong artistico che rimbalza dal canto alla recitazione, dal teatro alla danza, ma la musica rappresenta il perno della mia  personalità…”
Con l’Halleluja di Leonard Cohen,  Laura Santambrogio (Ginger Lauren in arte) inizia la sua performance: “Un canto sussurrato nei confronti della  vita che a volte ci mostra anche il suo lato più duro….” Il cerchio della vita, colonna sonora del cartone “Il re leone” e l’Ave Maria di Schubert nella versione moderna riscritta in chiave pop/black-music sono  altri due brani che vengono eseguiti da questa brava artista.
Il Presentatore intervista   Alessandra Ziccolella che racconta di se: “Ho solo una grande e forte passione, il canto. Fin da piccola ho amato cantare e sono cresciuta in una famiglia dove tutti adorano cantare. Il mio sogno è di riuscire a trasmettere quella emozione che sento dentro ogni volta che interpreto un brano”.
Quando nasce un amore di Anna Oxa, un inno a quell’amore incondizionato e spontaneo che accresce per una nuova vita che nasce …
Nel nome del Padre di Francesco Renga ,  la ricerca e l’avvicinamento attraverso la preghiera a Dio alleviano il peso di quando non si crede…
Alessandra Ziccolella esegue come terzo e ultimo brano Il mondo che vorrei di Laura Pausini,  la speranza di avere un mondo migliore senza guerre, razzismo e persone che vivono in povertà …
Il concerto prosegue sotto  l’attenta regia del Maestro Maniscalco …
… ed il pubblico rimane incantato dalla bravura degli ospiti di questa serata dedicata alla Fede e all’Amore.
Viene nuovamente invitata sul palco Ginger Lauren  che esegue When you believe  di M. Carey-W. Houston e  Magnificat di Marco Frisina.
La serata si conclude con l’artista garbagnatese Adriano Formoso  presente alla serata con la sua “FormoBand”.
E ti vengo a cercare di Franco Battiato e Il sogno di Maria di Frabrizio de André, sono i primi due brani che l’artista interpreta  “alla Formoso” come lui stesso tiene a precisare …
Prosegue la sua performance eseguendo due suoi brani, Chissà s’esisto davvero, ispirato dall’idea che la ricerca di Dio è una necessità dell’essere umano per potersi identificare a livello essenziale, e Come un aquilone, immagini di vita terrena come un processo a termine che solo l’Amore e la Fede possono difendere dal trauma delle separazioni.
La serata giunge al termine e il presentatore chiama sul palco Don Claudio Galimberti  che ringrazia il Direttore artistico, il Maestro Maniscalco per la stupenda serata musicale.
Tutto esaurito  all’Auditorium  San Luigi per il concerto di apertura del 5ª Festival della Fede 2017 “ Fede e Amore ” con un pubblico attento che ha manifestato il proprio consenso regalando calorosi  e lunghi applausi  ad ogni esecuzione.


La serata si conclude con la foto ricordo.
“ La dimensione culturale della fede è costitutiva della vita della comunità cristiana” (Card. Angelo Scola, “Educarsi al pensiero di Cristo”)


In esecuzione:
Billy swing (S. V. Maniscalco), registrazione analogica e strumenti digitali, orchestrazione, mixaggio a cura dell’Autore.